martedì 30 ottobre 2012

La maschera di via col vento


Questa volta vi intratterrò parlandovi della mia esperienza con la maschera a strappo comprata su internet.

Afflitta come tutte, dal grave problema (non negatelo, tanto lo avete anche voi!) dei punti neri, che sono la terza causa di morte nel mondo( dopo le bretelle di silicone trasparenti del reggiseno e lo spinacio tra i denti)ho pensato che, data la mia dipendenza dai cerottini essence, poteva essere utile provare una maschera che prometteva la risoluzione del problema.



Sul sito si vede la foto di un naso con cadaveri annessi, che magicamente si trasforma in qualcosa di meraviglioso, stile Doriforo.





Ora, non pensavo di poter mai raggiungere tali risultati, ma ho pensato che per il prezzo(circa euro)a cui era venduto, potevo provare questo nuovo prodotto.

La crema è una maschera peel off(a strappo)al carbone di 50 ml.

L’inci non è affatto male, ve lo posto qui(ho dovuto analizzarlo io, perché su internet non c’era nulla).

Ingredienti della maschera peel off:
1.       Acqua
2.       Alcol polivinilico(non c’era sul bio dizionario,ma ho trovato questo: L' alcol polivinilico (PVA) è un composto chimico ottenuto per idrolisi, normalmente alcalina degli esteri polivinilici.Solubile in acqua ed insolubile nei solventi organici, non possiede permeabilità ai gas.Data la natura del composto, è utilizzato sia in medicina per drenaggi e tubi, in contattologia quale composto di lubrificanti perlenti a contatto e nell'industria tessile per l'incollaggio di fibre naturali.Applicato in soluzione acquosa sulla superficie di uno stampo per produzione a freddo di manufatti in vetroresina è un ottimo agente antiadesivo (distaccante).)
3.      Glicerina(doppio verde)
4.      Pompelmo
5.      Peg 8(un pallino rosso)
6.      Pantenolo(doppio pallino verde)
7.      Profumo
8.      Gomma di cellulosa(doppio verde)
9.      Tetrasodium edta(doppio rosso-sequestrante)
10.  Carbone
11.  Estratto di rosmarino
12.  Estratto di avena
13.  Estratto di calendula
14.  Gluconato di zinco(un pallino verde)
15.  Lecitina
16.  Retinyl palmitate(un pallino giallo)
17.  Arachidyl propionate(un pallino verde)
18.  Tocopheryl acetate(doppio verde)
19.  Ethyl linolenate(un pallino giallo)
20.  Gomma di xanthan(doppio pallino verde)
21.  Limonene(un pallino giallo)
22.  Linalool(un pallino giallo)
23.  Geraniol(un pallino giallo)
24.  Methylparaben(un pallino verde)



Ma veniamo alla mia esperienza.

Ho aperto il tubetto e sono rimasta piacevolmente sorpresa dall’odore: credevo, provenendo dalla Cina, che sarebbe puzzato di chimico, invece profumava leggermente di rosmarino(non a livello da cucinarmi con le patate, una cosa leggera e sopportabile).

La consistenza è quasi quella di una pasta dentifricia, però di colore nero e indurisce facilmente.

La maschera si stende facilmente con le dita, ma è bene evitare di spalmarla dove avete della peluria(sopracciglia), a meno che non vogliate ottenere un effetto simile.




La posa va da 20 a 30 minuti.
In quel lasso di tempo potete tranquillamente giocare alla finale di ”chi ride per primo perde” e vincere, perché l’immobilità facciale raggiunta a fine posa è IMPRESSIONANTE!
Eccomi qui in versione “mummy” di Via col vento.


e in versione Minnie dei poveri



Per quanto riguarda la rimozione ,il termine STRAPPO è estremamente appropriato.
Fa un pochino male, come se vi steste cerettando la faccia.
Sono quasi convinta che sia quello che succede, perché più che punti neri, dentro ci ho trovato dei serpentini che sembravano peli facciali(non pensate che sia il cugino It, parlo di peluria bionda, quella che normalmente c’è sul viso).



Per quanto riguarda il rapporto qualità prezzo, come prodotto non è male, ma credo che più che estirpare il problema, sia un metodo di mantenimento che, a differenza dei cerottini, può essere applicato su tutto il viso.

La ricomprerei? No.

Non è stata una delusione, ma non mi ha fatto dire: “Wow!”.

Quindi credo che mi sposterei verso acquisti più stupefacenti =)

Ve la consiglio solo se vi piace la sensazione dello strappo e se volete togliervi lo sfizio.

Purtroppo non posso linkarvi il sito da cui ho preso la maschera,perchè  risulta che il venditore abbia esaurito il prodotto,ma vi linko la principale pagina di ricerca del sito.



Peace


Ms Irene Red

giovedì 18 ottobre 2012

Combattimento dei brufolozzi dalla tangente


Ho deciso di scrivere un articolo veloce e diretto che sia utile contro di loro: i nostri nemici numero uno del sabato sera!(qui se potessi metterei una musichetta drammatica, prima della foto)



Avete mai pensato che, oltre ai prodotti zeppi di siliconi, la causa di quei saccottini semaforici che vi son spuntati in fronte(e non accennano a indietreggiare nonostante minaccia)potrebbe essere l’utilizzo di strumenti sporchi?

Parlo proprio di quei pennelli del 15-18 che hanno contatto con l’acqua solo se vi cadono accidentalmente nel lavello in cui vi eravate lavate i piedi(si, mi lavo i piedi nel lavandino: la mia famiglia ha antiche discendenze circensi e ci piace così).

Purtroppo non è molto diffusa(ma fortuna inizia a prendere piede) la fondamentale dritta che è necessario lavare periodicamente le cose che ci mettiamo in faccia(spugne, pennelli)o anche disinfettarle(matite).
Per farvela breve: voi mettereste di continuo, per anni o mesi, le stesse mutande?
Correreste il rischio che non vi si stacchino più dalla pelle!

È importante lavare i nostri strumenti di bellezza, altrimenti saranno un nido di germi e metterseli in faccia, equivarrebbe a mettersi in faccia questo!



Sono stata abbastanza diretta e shockante, credo=)

Ora veniamo alle istruzioni utili su come fare a pulire i pennelli e le spugnette.
Molto semplice: acqua tiepida e detergente delicato.
Io uso il detergente intimo cien, che costa pochissimo(lo trovate da lidl)e ha un inci meraviglioso.




Dopo aver rimosso lo sporco, vi basterà strizzarli(ho detto strizzarli, non stuprarli, poveri piccoli!) e lasciarli asciugare su un asciugamano.

Per quanto riguarda le matite, temperatele spesso(pulite anche il temperino, eh!)e usate i prodotti disinfettanti a base d’alcol avendo cura, dopo averli puliti, che l’alcol sia evaporato prima di applicarli sul viso.
Io uso il disinfettante di elf (non ne occorre molto e il suo prezzo è di circa 4 euro, ma vi basterà essere pazienti e aspettare le offerte),che è perfetto anche per pulire i pennelli tra una applicazione e l'altra.



Un mio consiglio personale:evitate di acquistare cosmetici al mercato: magari voi li comprate in inverno,ma chissà quanto tempo li han tenuti sulla bancarella anche d’estate al caldo!Sarebbe un po’come mangiare una fetta di prosciutto che è stata mesi al caldo e fuori dal frigo: se proprio siete così temerarie… ;)


Peace

Ms Irene Red

lunedì 15 ottobre 2012

Review lampo su un’amica per la pelle!


Da un po’ avevo intenzione di recensirvi velocemente questa bella spazzolina rosa.



L’ho ordinata da un sito cinese(tinydeal),che consegna in Italia in maniera gratuita.

L’ho pagata meno di due euro e la trovo fantastica!
Credo sia un’ottima alleata sia i per i miei scrub esfolianti settimanali, che per la normale detersione quotidiana della pelle del viso.

Il manico permette un’impugnatura salda.



Le setole sono morbide e l’intensità dell’esfoliazione dipende da quanto ci date dentro voi con le manine: io, infatti, do il meglio di me durante lo scrub settimanale e poi la uso quasi per massaggiare la pelle del viso durante la quotidianità.



Tranquille: anche se calcate la mano, non vi ridurrete certo così =D



Vi lascio il link a cui potrete ordinare la spazzolina, se vi interessa.


Appena possibile vi recensirò(con link annesso,ovviamente)la maschera peel off per i punti neri,sempre ordinata da un venditore cinese =)


Peace

Ms Irene Red


domenica 14 ottobre 2012

Base makeup: that's the way!


Eccomi qui, un po’ malaticcia a scrivervi un nuovo articolo.

Sono barricata in casa a causa dell’asma e, più tempo passa, più rischio di abbrutirmi maggiormente e diventare così



Ma ora basta pensare ai miei drammi! Questo articolo è tutto dedicato al makeup viso, perché voglio che le mie lettrici abbiano sempre una pelle impeccabile.

Ho notato molto spesso che, soprattutto le giovanissime, pensano che il trucco sia una pratica che riguardi solo gli occhi.
Sebbene questo sia possibile in caso di pelle perfetta(quei rari casi di esseri mezzi donne e mezzi stronze, non perché stronze lo siano, ma perché avere la pelle perfetta fa confluire su di loro l’odio di tutte le altre),se si esce la sera, è sempre meglio evitare di andare in giro con un bombolone fragola e crema sulla faccia, altrimenti la vostra vita sociale rischierebbe di ridursi a quella di una gattara.

È importante quindi dare un po’ di attenzione anche al nostro viso e capire come valorizzarlo.
È ovvio che una regazzina di 15 anni non deve necessariamente seguire tutti gli step proposti(non lo faccio nemmeno io, se ad esempio devo andare a fare la spesa o andare a lezione in università),ma è comunque bene, a mio avviso, averli tutti presenti per sapere che cosa è possibile fare per valorizzarci.



IDRATAZIONE E LEVIGAZIONE

È necessario idratare il nostro viso con una crema leggera, che non appesantisca la nostra pelle(io consiglio la crema viviverde coop).Stendetela massaggiandovi il viso e lasciatela assorbire bene prima di applicare il trucco.

In alternativa potreste anche usare una base makeup, che vi consiglio di conservare in frigo, per poter sfruttare al meglio le sue potenzialità. Suggerisco l’uso della base solo per occasioni particolari, in cui volete far durare il makeup tutto il giorno. Questo perché le basi trucco contengono sostanze derivate dal petrolio, per cui è vero che fissano il makeup, ma potrebbero garantirvi una fidelity card per l’esplosione dei brufoli.


FONDOTINTA

Applicatelo con cura e sfumatelo bene.
Se è liquido stendetelo dal centro del viso verso le estremità, se è in polvere applicatelo con movimenti circolari del kabuki.



CORRETTORE

A mio avviso sarebbe ideale usare le dita, che permettono di scaldare il prodotto e garantisco una migliore stesura.
È fondamentale applicarlo picchiettando e non strisciando!
Strisciando il dito non fareste altro che rimuovere il prodotto che volete applicare!


CIPRIA

La cipria permette di fissare il makeup.
Applicatela con spugnetta o pennello, ma ricordate anche in questo caso di TAMPONARE e non strisciare.
Ovviamente rimuovete gli eccessi di polvere da spugnetta e pennello, per scongiurare certi effetti (in questo caso sembra abbia sbagliato a sniffare coca)



BLUSH, TERRA E CONTOURING

Usate la terra per dare profondità al vostro viso e nasconderne le irregolarità, mentre l’illuminante avrà il compito di mettere in risalto delle specifiche zone.



Per quanto riguarda le guance, applicate la terra esattemente SOTTO l’osso della guancia e il blush sopra(stendete il blush con movimenti circolari e andando verso l’esterno del viso, per avitare l’effetto “guancia cadente”. Inoltre un mio consiglio personale è di applicarlo a strati: è sempre meglio iniziare con poco prodotto e poi aggiungerlo, che sembrare delle heidi un po’ cresciute)



Se avete un naso importante, potete correggerlo con giochi di luce e ombre applicando una striscia di illuninante o correttore al centro del naso e la terra ai lati.



Anche il doppio mento può essere minimizzato grazie alla terra.

Vi lascio delle immagini che saranno di certo mille volte più esplicative delle parole.




Inoltre ricordate sempre l’importanza di usare le tonalità adatte di ogni prodotto, altrimenti potreste rischiare di andare in giro così! =S



Peace

Ms Irene Red

martedì 2 ottobre 2012

Disavventure makeuppose parte prima


Si, lo so! Dovrei essere tutta intenta a preparmi per partire, ma purtroppo il mio ciclo ha deciso che devo crepare di dolore nella maniera più atroce, quindi mi sono messa il pc bollente sulle gambe e ho pensato di scrivere una review su un prodotto che avevo comprato con tante speranze e con gli occhioni sognanti.

L’errore/orrore in questione è la palettina di ombretti h&m.



Ho fatto parecchi km per arrivare fino all’h&m più vicino e l’ho comprata con l’intenzione di portarla a Londra perché era leggera, costava tra i 4 e i 5 euro ed era composta da 4 colori.

Improvvisamente, forse per illuminazione della mia dolce fata madrina,



 ho cambiato idea e ho deciso di portare con me la mia amatissima, scriventissima, leggerissima ,economicissima(secondo me potrebbe pure risolvere il problema della fame nel mondo)Undressed palette della MUA(dupe della naked,per chi ancora non lo sapesse!-se volete vedere i confronti fra scrivenze,ho scritto un articolo a riguardo-).



La decisione è principalmente dipesa dal fatto che non volevo già essere truccata di nero dalle 8 di mattina.

Dopo aver fatto il cambio di palette in valigia, ho deciso di provare la palette h&m per la mia uscita serale di ieri.

Volevo uno smokey un po’ drammatico, molto rebel girl, quindi quei colori erano perfetti, almeno così pensavo.

Ho iniziato stendendo il bianco.
Mi sono guardata allo specchio: l’occhio truccato di bianco e quello struccato erano praticamente identici!
Per rimediare ho usato un ombretto kiko.

Sono poi passata al grigio, pensando che la non scrivenza del bianco potesse dipendere dal fatto quello era un colore chiaro e i più scuri, magari, si sarebbero visti di più.
Invece no! Ecco la delusione numero due: ho dovuto stuprare le due cialdine di grigio per avere una minima scrivenza!

E ora il pezzo da novanta: il nero.
Forte dell’esperienza con gli altri due colori, ci ho dato dentro e ho caricato bene il pennello.
DISASTRO: il nero scriveva!

Non vi dico che orrore! Un mix tra lady gaga quando si trucca col compressore gonfia pneumatici



 e un opossum investito!

Fortunatamente, prima di perdere completamente il mio autocontrollo, ho respirato profondamente, mi sono detta che ero in un posto caldo(alla faccia che caldo! Dopo che ho finito di farmi la piega ero di nuovo in un bagno di sudore!)e sicuro e che quei brutti colori cattivi non sarebbero più stati una minaccia.

Ho preso la mia palette elf e ho corretto quell’aborto makeupposo che avevo in faccia.

Vi consiglio vivamente di NON comprarla, a meno che non abbiate voglia di spendere in maniera assolutamente casuale i soldi che vi avanzano(in questo caso vi lascio il mio numero di conto corrente su cui effettuare un versamento =P)


Peace

Miss Irene Red

lunedì 1 ottobre 2012

Piccolo give away di benvenuto


Questo è solo un piccolo modo per ringraziare chi mi segue su fb e chi ha mostrato interesse sul blog.

Poiché viene prima il dovere e poi il piacere, ecco le regole per poter partecipare al give away.

1. Essere maggiorenni e residenti in Italia.

2. Seguire pubblicamente il Blog “Me  Myself and Cosmetics”(Se non sapete come ci si iscrive, vi ho scritto un articolo apposito)

3. Diventare fan su facebook della pagina “Me Myself and Cosmetics”(aggiungendo la pagina a una lista di interessi. Se non sapete come aggiungermi a una lista, trovate un’immagine esplicativa tra le foto in bacheca).

4.Condividere sulla propria pagina fb (in maniera pubblica, così che io possa verificare) il link del give away taggando 5 amiche.

5.Lasciare un commento sotto il post del give away sul blog in cui indicherete:
  a. Il nome con cui mi seguite sul blog
  b. quello con cui mi seguite su fb(potete in più lasciarmi il link del profilo)
  c. la vostra mail in caso di vincita
  d. l’articolo che più vi è stato utile o vi ha divertite e quale argomento vorreste che io trattassi.

Il numero progressivo di partecipazione lo assegnerò io sotto ai vostri interventi sul blog.

L’estrazione avverrà tramite il famoso random.org, a inizio novembre(il give away scade il 31 ottobre).

Ora però veniamo al piccolo premio che ho pensato per voi:



1.Set di pennellini da viaggio(si, l’ho cucito io, quindi siate clementi, volevo che aveste qualcosa di hand made)contentente: pennello da polveri, pennello da correttore, pennello per ciglia e sopracciglia, pennello per labbra/per riempire le sopracciglia.





2.Polvere volumizzante per ciglia vampire’s love(il fatto che io sia riuscita a trovarla vi fa capire quanto in ritardo arrivano da me le collezione. Vedrò mai i pigmenti?=D)



3.Campioncini bottega verde: vaniglia sublime(crema mani),profumo Lei, latte corpo mar morto(x2), bagnodoccia mora succosa.



Spero partecipiate in tante e che questo piccolo give away serva a farci crescere e sorridere insieme.

Peace

Ms Irene Red